mercoledì 3 aprile 2013

23

Batman: The Brave and The Bold - Il Batman più simpatico che ci sia!

Batman e tanti altri personaggi
Batman: The Brave and The Bold (BTBATB) è una serie animata realizzata dalla Warner Bros. Animation tra il 2008 e il 2011. Comprende tre stagioni, per un totale di sessantacinque bellissimi episodi, e, dato che ha come materiale di partenza una parte della serie cartacea storica The Brave and The Bold (testata focalizzata sul fatto di far collaborare personaggi diversi), è interamente bastata su team-up di Batman con altri eroi generati nel corso degli anni dalla DC. In Italia è stata parzialmente trasmessa sui canali Mediaset (che ne ha interrotto la messa in onda - non fatemi commentare) e su Cartoon Network (che la sta terminando). L’ultima stagione non si è ancora mai vista qui da noi (ma prima o poi dovrebbe arrivare).

Batman e Blue Beetle
La serie non ha una trama unica ma mette in scena una serie di episodi autoconclusivi (divisi dalla sigla in due parti: un teaser - una mini storiella - e la trama principale) che vedono Batman combattere per la giustizia insieme a una sterminata moltitudine di altri eroi. Alcuni sono nomi molto famosi come Freccia Verde, Black Canary, Aquaman e Flash (Superman e Wonder Woman compariranno solo a serie molto avanzata), alternati con soggetti meno famosi come Blue Beetle, Booster Gold e The Atom e con personaggi quasi completamente sconosciuti come la Doom Patrol, i Metalli e Kamandi.
I nemici di Batman sono solo una piccola fetta dei cattivi
della serie
In modo del tutto analogo vengono trattati i cattivi, che spaziano da nomi ultranoti come quello del Joker a gente ormai sconosciutissima come Cavalier (un nemico di Batman della Golden Age, a Gotham è risaputo che ognuno deve scegliersi un tema: fare il ladro con un banale passamontagna è totalmente demodè, meglio indossare un costume da moschettiere!).
I "diversamente giovani" della Justice Guild of America
Tra l’altro non si perde l’occasione di fare dei team up che non badano al sesso, all’origine o all’età degli eroi coinvolti, realizzando accoppiate con paladini del passato (come i membri della Justice Guild, con cui Batman si comporta da allievo), campioni contemporanei a Batman (come Freccia Verde, Huntress e Aquaman, di cui l’Uomo Pipistrello è un amico o un leader) o nuove giovani leve della giustizia (come Blue Beetle, Robin o gli Outsider, di cui il Crociato Incappucciato è mentore) e persino con alcuni personaggi fuori dalle righe (tra cui Joker!). In pratica viene concretizzata una stupenda galleria di coloratissimi e diversissimi personaggi che, senza mai diventare banali (o ripetersi tra di loro), raccontano delle storie belle, emozionanti, spassose, avventurose e, a volte, anche molto intense.

Batman con tre Flash di tre generazioni diverse
Inoltre, vengono abbandonate le atmosfere dark e oscure viste nel classico Batman: The Animated Series e The New Batman Adventures (e tentate di riprodurre senza gran successo in The Batman) e si passa ad un registro molto più leggero e scherzoso. Non solo cambiano il tipo di avventure vissute dall’Uomo Pipistrello (che si troverà ad affrontare nemici molto sui generis) ma viene anche modificato il character design, che ritorna ad essere quello tipico della Silver Age, ricordando da vicino quello anni sessanta delle serie Filmation e dei Superamici (anche se ha un indubbio tocco moderno di fondo). 
Freccia Verde e Speedy
Inizialmente questa scelta mi aveva lasciata un po’ perplessa (anche perché avevo appena finito di vedere gli episodi delle sopraccitate vetuste serie che non ho apprezzato per nulla) ma, dopo un paio di puntate, non si può far altro che apprezzare lo stile unico, ironico e simpatico della serie
Batman affronta Joe Chill smascherato
Inoltre, anche se il tono generale del cartone è lieve (è divertente da matti, provare per credere) e gli episodi sono completamente senza sangue (nonostante si diano botte da orbi), riesce ad offrire alcune puntate incredibilmente serie, in cui viene anche trattato in modo attento e coerente il tema della morte, mostrando le tristi storie dei coniugi Wayne, del Blue Beetle della Silver Age (grande amico di Batman), di Boston Brand e di diversi altri personaggi più o meno famosi.


Aquaman abbraccia Piastrina, un linfocita di Batman
Le animazioni sono fluide e scorrevoli, i personaggi tutti distinguibili ad un primo sguardo e simpatici (amo Aquaman in questa versione, è davvero figo! Chi dice che è sfigato se la vedrà con me!) e la colonna sonora è adatta e ben equilibrata (le canzoni inserite cantate dai personaggi sono strepitose). Le voci originali sono realizzate a regola d’arte (con doppiatori convincenti e idonei) e dialoghi sono sottili e a dir poco geniali (anche se non c’è Kevin Conroy nei panni di Batman, la parte viene interpretata benissimo da Dietrich Bader). 
Batman e Ace, il bat-segugio
In italiano il doppiaggio è eseguito dalla Merak Film di Milano (la stessa delle vecchie serie di Batman, della Justice League e Justice League Unlimited) e, per fortuna, si hanno le solite voci a interpretare Batman e soci (non credo di poter ascoltare un Batman che parla italiano che non abbia la voce di Marco Balzarotti). Peccato solo che i dialoghi, una volta tradotti, perdano un po’ di verve (ovvero, guardatelo in lingua originale che è molto più figo) e che non tutte le voci degli altri personaggi siano esattamente azzeccate.

Il Batman preistorico con Ice e Guy Gardner
Il Batman messo in scena in Batman: The Brave and The Bold è un Batman serio e motivato, che ha un senso dell’umorismo asciutto e secco, sicuramente molto più sviluppato di quello della sua controparte del DCAU (che credo avrebbe fatto una strage con dei comprimari come questi), e che rivive delle storiche avventure (tipo quella volta che indossò un costume rosa, veramente accaduto in Detective Comics #241, marzo 1957) o che affronta minacce spaziali come quelle di Starro. 
Batman con Nightwing
Accanto a lui, oltre ai già citati eroi con cui effettua dei team-up, ci sono il fedele Alfred (che compare raramente ma che è sempre una gioia da vedere in scena) e l’immancabile Robin. In questa serie ad indossare il mantello del Ragazzo Meraviglia (nell’imbarazzante mise originale senza le braghe) sono il primo Robin, Dick Grayson, che ad un certo punto si emancipa dal suo mentore, diventano Nightwing (e a lui sono dedicati un paio di ottimi episodi) e il quinto Robin, Damian Wayne (in questa versione figlio di Batman e di Catwoman, non di Talia Al Ghul). L’unica pecca che posso segnalare su questa bellissima serie forse è proprio i fatto che il mio Robin preferito (Tim Drake) non solo non compare, ma non viene nemmeno nominato (cosa che invece avviene per Jason Todd che almeno viene citato in un discorso, pur non facendo parte dell’universo narrativo).

Booster Gold scoccia Batman nella batcaverna
In definitiva Batman: The Brave and The Bold è una serie geniale, simpatica, originale e divertente, che offre uno sguardo scanzonato (ma mai stupido) sull’universo narrativo realizzato in tutti questi anni dalla DC (è una fucina di citazioni assortite), mettendo in scena una lunga sequela di avventure mozzafiato di cui cura ogni singolo particolare.
Troppi Batman in un solo frame?
Il suo Batman è figo, carismatico, intelligente, ma anche ironico e simpatico. I comprimari e i villan sono tutti adorabilmente eccentrici ma anche dotati di una favolosa carica di simpatia. Ma non solo, oltre a quello classico che compare in ogni episodio, questa serie sarà in grado di mostrare decine di versioni diverse del Cavaliere oscuro, da quello infante a quello nonno, da quello cervellone a quello superaggressivo, da quello cattivo a quello che mangia i nachos!
Batman, Holmes e Jason Blood (ovvero Etrigan the demon)
Batman: The Brave and the Bold è una serie assolutamente da vedere, che non deluderà nessuno, dal ragazzino che vuole una serie tutta pugni allo spettatore più esigente, che saprà apprezzare tutti i sottotesti e i non detti, all’appassionato dei personaggi che saprà apprezzare camei e citazioni.
Per far un semplice esempio, qui abbiamo tre personaggi femminili (una buona, una non proprio buona e una ladra: Black Canary, Huntress e Catwoman) che cantano una canzone sui peni dei loro colleghi eroi. Ripeto, in uno show destinato ad un pubblico anche molto giovane tre sventolone cantano una canzone che tratta di peni, sentire per credere (ed è fatta talmente bene che un bambino semplicemente non capisce la parte maliziosa):


Ora ditemi se non è una serie geniale una che riesce a creare una cosa del genere e passare indenne le forche caudine dei vari Moige e affini!

Batmite, quello che ha fatto chiudere la serie (non scherzo)!
Purtroppo, per lasciar spazio alla serie Beware The Batman (di prossima uscita), questo gioiellino è stato chiuso. Mi auspico che ne sia valsa veramente la pena! (E se questa suona come una minaccia per i produttori della serie, ebbene, lo è!). Tra l’altro ha anche uno dei finali più geniali di sempre che riesce a fare una retrospettiva sulla serie stessa, a mettere in scena un “salto dello squalo” *, a inserire volontariamente tutto ciò che può rendere furioso un fan (e a combatterlo) e arriva persino a sfondare la quarta parete!

*Si tratta del momento in cui una buona serie ha raccontato tutto quello che aveva da raccontare e comincia la sua inesorabile parabola discendente. Il fenomeno prende il nome da un tragico episodio di Happy Days in cui Fonzie effettuava con gli sci d’acqua un salto sopra uno squalo, indossando il suo giubbotto di pelle nonostante fosse in piena estate, in spiaggia e sotto il sole.

Il fotogramma finale della serie (no, non sono tutti i personaggi, ne mancano!)
Batman nell'ultimo monologo di Batman: The Brave and The Bold: “And until we meet again boys and girls, know that wherever evil lurks in all its myriad forms, I’ll be there, with the hammers of justice, to fight for decency and defend the innocent. Goodnight.” 
(No, niente, non fateci caso, non sto piangendo!)


E questa è l'opening della serie!



author

SCRITTO DA: Acalia Fenders

Sono una blogger di Torino che si occupa di fumetti e animazione dal 2010. I mei interessi spaziano dai classici fumetti (di cui ha una considerevole collezione) ai telefilm, dai film ai cartoni animati (anime e non!). Amo il Giappone e ho una sconsiderata e inarrestabile passione per Batman.





23 commenti :

  1. Da quando me l'hai fatto vedere non riesco a non pensare ad Aquaman come ad Adam di Sette spose per sette fratelli... So che Voi giovini non lo conoscete, però a me lo ricorda tantissimo... Lo aspetto vestito da cowboy con la giacca a frange

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sarò giovine, ma "Sette spose per sette fratelli" lo adoro *___* E in effetti un po' lo ricorda xD

      Ehm, comunque. Bellissimo post, Acalia! :D

      Elimina
    2. Non ho visto "Sette spose per sette fratelli" ma nel video che ho visto su Youtube effettivamente si assomigliano come personaggi ^^
      Questo Aquaman è uno dei più belli di sempre ^^

      @Camilla P: Grazie ^^

      Elimina
  2. Batmite non si può guardare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Solo perchè non l'hai sentito parlare: non si può neanche ascoltare. In ogni caso è fatto appositamente ed è un personaggio studiato per sfondare la quarta parete (per dire, colleziona gadget di Batman, anche di altre serie) ^^

      Elimina
  3. Da piccola vedevo i Superamici e adoravo Aquaman e le sue soluzioni/consigli a fine puntata: mitico salvadanaio creato con una bottiglia di vetro resa a forma di maialino alla fine \m/ !

    A vedere questi screen-shot, sembra che Batman ricordi quello dei film anni '6o se non erro, oltre che una ripresa della serie animata anni '90 in alcuni altri particolari che ho seguito sempre in tenera età.
    Per il resto non sono una cultrice del genere, quindi posso dire ben poco su questo argomento, ho visto giusto il Batman di Tim Burton da piccola e Watchmen recentemente (che ho trovato un capolavoro sotto diversi aspetti!).

    Un saluto! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con i Superamici non ce l'ho mai fatta, neanche da piccola, troppo "campy" per i miei gusti! Preferisco delle serie con un po' più di caratterizzazione psicologica ^^

      Per fare questa serie si sono ispirati al character design dei personaggi DC della Silver Age, probabilmente anche per fare una cosa completamente diversa dalla gloriosa Batmna: The Animated Series degli anni novanta (che tutte le volte che c'è un Batman televisivo serio si pensa subitissimo a quella) ^^
      Se, comunque, ti piace Batman ci sono diverse serie animate interessanti (appunto Batman TAS, The New Batman Adventures, Batman: The Brave and The Bold) e parecchi film animati (che recensirò a breve) ^^

      Elimina
  4. Non conoscevo questa serie, mi piaceche ci sia una reunion generale e generazionale di vari eroi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì decisamente! In ogni caso è una serie molto divertente, decisamente godibile ^^

      Elimina
  5. Questa è la serie di cui hai parlato finora che vedrei più volentieri! Purtroppo non mi vanno i video perché volevo vedere la canzone dei peni.
    Ma perché il costume originale di Robin, perché??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' anche la più recente e la più spiritosa! Peccato per la canzone perchè è davvero spettacolare ^^
      Tutto con il character anni '60, vuol dire anche Robin anni '60 con le coscette al vento XD

      Elimina
  6. Finalmente! La serie me la sono goduta tutta quanta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La serie è bellissima, pensa che le ultime puntate me le sono centellinate ^^

      Elimina
  7. Noooooooooooo, ma fra gli hammers of justice, c'è anche quello di Thor? ok, la smetto :P
    Sulla programmazione interrotta, non dico nulla perché è anni che le reti 'ammiraglie' si comportano così. Rispetto per il telespettatore zero.
    anche questa serie me la sono persa =_=
    Carinissima la canzone XD E sono tutte e tre molto intonate *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non credo che quello di Thor sia compreso, di solito Batman fa da sé ;-P

      Lasciamo perdere sul discorso interruzioni che mi fa solo venire su la bile. Non si può fare una cosa del genere! Nemmeno se lo share non è buonissimo! Poi la gente si sente presa in giro e si lamentano che si guarda la roba direttamente in rete!

      Secondo me l'hanno provata di nascosto per essere così in sincro ;-P

      Elimina
  8. *DLIN DLON*
    Comunicazione di servizio:
    Da ieri pomeriggio lo trasmettono su Boing.

    Aquaman comunque è emo, e ce l'ha pure piccolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottimo, è una bellissima serie ^^ (anche se il doppiaggio originale è di tutt'altro livello rispetto a quello italiano) ^^

      Su quello mi sono sempre domandata come Huntress l'abbia saputo, in fondo si sta parlando di un uomo sposato con una donna che picchia come un fabbro (ma non solo lui, anche Plastic Man e Flash sono sposati) ;-P

      Elimina
    2. Sul doppiaggio posso anche soprassedere per adesso. Mi sembra buono, ma se poi svaccano di brutto potrei anche decidermi a spulciare l'internetto e cercare di ovviare. Speriamo comunque che si mantenga almeno al livello sentito finora, che con sto caldo non mi va nemmeno di googlare.

      Aquaman con quella barba sembra un membro (ahahahahah) dei Village People.
      Su Huntress vorrei dire pure qualcosa, ma per adesso mi vengono in mente soltanto volgarità da peggiori bar di Caracas.

      Ah, quasi dimenticavo, lo trasmettono subito dopo Teen Titans, che però non è granchè. E poi una roba in cui Robin comanda è fail a prescindere.

      Elimina
    3. Non è malvagio il doppiaggio ma è molto alleggerito (al limite della censura) delle espressioni più variopinte. Ho visto tutti i primi episodi in italiano apprezzandoli ma, quando sono poi passata all'inglese, li ho apprezzati anche di più ^^

      Aquaman in questa versione mi piace da matti! Lo trovo simpaticissimo ^^
      Su Huntress (e sulle sue colleghe) le battute sono fin troppo facili ;-P

      Di Teen Titans ho visto solo qualche episodio ma non mi esalta. Prima o poi mi decido a finire di vederlo ma lo trovo un po' infantile. E' molto carino, invece Young Justice (ma almeno lì c'è la Justice League dietro, non sono ragazzetti lasciati allo sbando) ^^

      Elimina
  9. Ieri hanno trasmesso una puntata con Robin e infatti ho fatto una fatica immane ad arrivare alla fine, anche a causa del nemico ignobile.
    Curiosamente, mi è piaciuta di più la puntata di Teen Titans che l'ha preceduto, incentrata su Cyborg. Peraltro Starfire in versione ragazzina mangia-schifezze la trovo proprio simpatica, pericolosamente sulla soglia della pucciosità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il peccato più grande di Batman the Brave and The Bold, secondo me, è che presenta come Robin il classico Dick (che non amo troppo) e Damian (ma con una storia e un carattere molto diversi).

      Quello che a me disturba di più dei Teen Titans è il fatto che troppo spesso si vada di testa nel puccioso e nell'infantile, per cui tende ad irritarmi.

      Elimina
    2. (S)parlando sempre di Robin... a me invece quello che irrita di Teen Titans è proprio il fatto che comandi lui. Cioè, è l'unico là in mezzo che non ha uno straccio di superpotere, quando già Starfire da sola potrebbe fare macelli. E trovo ugualmente irritante che lui sia pure la causa scatenante degli ormoni di quest'ultima. Assolutamente senza senso. Manco Seya è così sfacciatamente raccomandato.
      Comunque attenzione, se alcuni personaggi potrebbero essere addirittura pucciosi (nella fattispecie sempre Starfire, ma pure Raven ha i suoi momenti), non è detto che lo siano anche le storie, che tutto sommato sono ben scritte, anche se politically correct.
      Apprezzo in particolar modo la regia nelle scene d'azione, davvero briosa come raramente si vede in produzioni di questo tipo.
      E la opening è già un tormentone, nonostante il testo assolutamente scemo.
      Donna, urge dedicargli un post! Al lavoro! :D

      Elimina
    3. In realtà anche nella Justice League spesso è Batman a comandare, pur non avendo nessun tipo di potere speciale, ed è un bene che lo faccia, visto è praticamente l'unico tatticamente preparato della banda. Il problema di Robin (quel Robin, ovvero Dick Grayson) è che, pur essendo atleticamente molto dotato, dal punto di vista puramente intellettuale non è questa gran cima.

      Dagli episodi che ho visto io anche Beast Boy e Cyborg hanno i loro momenti di pucciosità (in effetti anche Robin, ogni tanto, anche se cercano di renderlo il più figo possibile) e le storie sono davvero troppo semplici. Al 90% dopo i primi trenta secondi dell'episodio si capisce già dove andranno a parare e sono quasi sempre tutte cose basate sull'amicizia, la fiducia o qualche altro buon sentimento random.

      Appena avrò finito di vedere la serie (che ho qualche difficoltà a reperire nella sua interezza, ci scriverò sicuramente un post) ^^

      Elimina

Un commento è sempre molto gradito!

Se non ha voglia di loggarti, ricordati che con l'opzione Nome/Url puoi mettere un semplice nick di fantasia (la Url non è obbligatoria), così nelle risposte non verrai confuso con altri Anonimi.